Da Mornese

L'impegno educativo dell'Associazione viene da lontano e affonda le radici in un piccolo Paese del Monferrato, Mornese, ove un gruppo di giovani donne si dedica all'educazione delle fanciulle e delle ragazze, cu- randone l'armonica formazione umana religiosa e morale.

Più tardi, dall'incontro di Maria Mazzarello con Don Bosco prende forma l'Istituto delle Figlie di Maria Ausiliatrice (FMA) - si chiama così la Congregazione fondata da S. Giovanni Bosco e S. Maria Mazzarello nel 1872 a Mornese, Don Bosco parla, fin dagli inizi, di "alunne da istruire e da educare" e, di fatto, l'azione educativa delle FMA trova subito nella scuola una forma concreta di servizio alle fanciulle e alle ragazze di ceto popolare e una precisa modalità metodologica e didattica.

In un periodo in cui l'inadeguatezza dei comuni nel provvedere all'istruzione elementare si manifesta, tra l'altro, nell'insufficienza quantitativa e qualitativa dei locali che venivano adibiti ad aule, il Collegio delle suore attua esemplarmente le disposizioni legislative e dispone di buone maestre, tanto che nel 1877 il Municipio di Mornese pone allo studio la possibilità di affidare le scuole comunali femminili alle FMA.

un impegno di elevazione culturale

Così l'Istituto delle FMA si inserisce nell'impegno dei cattolici di rispondere ad una necessaria elevazione culturale del ceto popolare e della donna in particolare, "facendo per le ragazze quanto i Salesiani fanno per i giovanetti".

L'istruzione, per Don Bosco, è una doverosa risposta alla vocazione e missione che Dio affida ad ogni persona in ordine alla sua realizzazione e a quella della società in cui è inserita. Per questo sfida coraggiosamente la difficile situazione del tempo e fonda scuole dappertutto.

Madre Mazzarello e le prime suore lo seguono, incarnando con genio squisitamente femminile, il suo metodo educativo.

assunto con professionalità

Garantiscono alle scuole qualità educativa e professionalità:

  • Progetto educativo
  • formazione professionale e pedagogica delle maestre
  • riconoscimenti istituzionali,
  • adeguati processi di insegnamento apprendimento
  • con quanto possa aiutare le ragazze, spesso provenienti da famiglie povere e prive di cultura, ad affinare e formare donne mature e responsabili.

anticipando i tempi nuovi  

Come Don Bosco, le FMA anticipano i tempi nuovi, realizzando una scuola per la vita. Assicurano, accanto alle conoscenze teoriche, abilità pratiche; mantengono nelle ragazze il contatto concreto con le esigenze del lavoro quotidiano, della conduzione della casa, della famiglia, dei rapporti sociali, armonizzando sapientemente, senza confusione di ambiti e di metodologie, formazione culturale e educazione cristiana.Costruiscono, giorno dopo giorno, personalità cristiane forti e coraggiose, in una comunità educativa serena e propositiva, i cui tratti caratteristici sono: la vita di famiglia, la gioia diffusiva della serena convivenza, attività ricreative, teatrali, musicali, serietà nell'impegno e nel lavoro, relazioni amichevoli tra educatrici ed alunne.

con scuole di ogni ordine e grado.

Le scuole si moltiplicano in pochi anni, diffondendosi rapidamente nei piccoli come nei grandi centri di Provincia. Oggi sono presenti su tutti i continenti, dagli asili nido, alle scuole dell'infanzia, alle Università.

In Italia la presenza è capillare. Al 96%, non esiste una comunità FMA che non operi almeno in una scuola materna

Una presenza strutturata a raggio nazionale

Dopo gli anni '60, nuove esigenze si affacciano. L'Istituto spinto dalla forza del carisma studia e sperimenta nuove strade per dare alle scuole nuova vitalità e capacità educativa.

Si moltiplicano sperimentazioni, studi, nuove proposte ed esperienze didattiche.

Nel 1998 viene costituita l'Associazione Nazionale "CIOFS-Scuola FMA" (Centro Italiano Opere Femminili salesiane), promossa dall'Ente CIOFS, riconosciuto con D.P.R. del 20 ottobre 1967 n° 1105 modificato con D.P.R. del 28 luglio 1969, n° 635.

in collegamento con tutta la realtà dell'Istituto 

L'Istituto F.M.A., in Italia, si avvale di altre Associazioni, che rispondono a bisogni giovanili diversificati e costituiscono un'esigenza indispensabile nel Progetto educativo di Don Bosco.

Il CIOFS-Scuola FMA entra in questa rete di proposte ai giovani con il suo specifico volto culturale.